Over 10 years we help companies reach their financial and branding goals. Maxbizz is a values-driven consulting agency dedicated.

Gallery

Contact

+1-800-456-478-23

411 University St, Seattle

maxbizz@mail.com

Green Metals Brescia: verso il biometano per ridurre le emissioni

Il nostro interesse legato al mondo dell’energia ci ha portato ad avvicinarci sempre più alla possibilità di una produzione energetica che sia il più possibile green e sostenibile. Vogliamo quindi raccontare le realtà che si mettono in gioco in questo senso e costituiscono un esempio virtuoso nel settore delle energia rinnovabili. Oggi, per questo motivo, vi parliamo del caso di Green Metals Brescia. Si tratta di un patto stabilito tra l’industria agricola e metallurgica bresciana, che oltre ad un intento green, va detto, vuole porsi come soluzione alla crisi energetica iniziata ormai da qualche tempo. Una azione, la decarbonizzazione delle aziende sidermetallurgiche, con uno scopo multiplo dunque. Si tratta di un progetto che in realtà nasce nel 2021, ma ora più che mai fai sentire la sua utilità. Tutto ciò si unisce inoltre all’agenda europea sulla sostenibilità, dando un importante contributo agli obiettivi stabiliti in essa. Ma quali sono tutti i soggetti coinvolti e il loro specifico ruolo in questa importante iniziativa? 

Chi è coinvolto e come nel progetto Green Metals Brescia

Svincolarsi dalla dipendenza dal gas potrebbe essere presto possibile grazie al progetto anticipato nelle prime righe. Questo grazie alla collaborazione tra due importanti settori produttivi, quello metallurgico e quello agricolo. Spiegato in breve, il primo sarà quindi in grado di attingere l’energia necessaria per il proprio funzionamento dal secondo, grazie ai combustibili verdi come il biometano derivante dalle sue attività, sul territorio bresciano. Nel dettaglio, verranno utilizzati gli scarti dell’agricoltura attraverso un gruppo di biodigestori presenti sul territorio su cui si estende il patto.
Per fornire qualche dato, in grado di mostrare la portata di Green Metals, questa operazione ridurrà il volume di gas consumato da 13 acciaierie- ma anche fonderie e industrie di alluminio- del territorio da un minimo di 20% fino ad un massimo del 40%.
In termini economici si tratta di un investimento di circa 150 milioni di euro, per il consolidamento della sinergia in fase di creazione. Considerando il minore costo dell’energia una volta realizzati gli obiettivi di questo patto, appare dunque come una spesa alquanto strategica e lungimirante. 

Il secondo risvolto della questione è il contributo che essa può dare alla transizione ecologica, permettendo di osservarla non soltanto sotto la lente della crisi energetica.
Una sinergia conveniente su più fronti, con una logica che si potrebbe dire a chilometro zero.
L’unica criticità di Green Metals, al momento, è da ricercare nei tempi: due anni di attesa per richieste di agricoltori, rallentate dalla burocrazia, volte alla realizzazione di nuovi impianti di biogas. E’ infatti necessario il rinforzo e la creazione di nuove strutture, per sostenere i volumi ipotizzati nell’ambito di questo movimento. 

L’impegno delle industrie verso la sostenibilità

Il nostro core business è proprio il rifornimento di energia per le aziende, come quelle di cui si è parlato finora in questa sede. Ecco perchè ci interessiamo a progetti innovativi- di cui avevamo già parlato qui a proposito della salute degli oceani- come Green Metals Brescia. A noi di Service Company Italia soprattutto, stanno a cuore la sostenibilità e la salute del pianeta, per promuovere l’utilizzo di risorse primarie per la sopravvivenza, come quelle energetiche. Questo sempre nel rispetto di più parametri ecologici possibili. 

Per fornire qualche dato, il settore metallurgico nella zona di Brescia è responsabile dell’utilizzo di 250 milioni di metri cubi di gas naturale. Grazie a Green Metals sarà possibile un risparmio compreso tra 50 e 100 milioni di metri cubi l’anno entro il 2025 per questo combustibile. Si tratta di numeri enormi, difficili da quantificare per chi è abituato a ragionare su volumi domestici. Ma una cittadinanza informata anche su ciò che non la riguarda direttamente è in grado di compiere delle scelte consapevoli ogni giorno, anche nel suo ristretto raggio di azione. Una rivoluzione che parte dal pensiero e arriva alle azioni passa da un’aggiunta alla volta, in modo progressivo. Ecco perchè parliamo anche di mobilità sostenibile attraverso i fornitori a cui scegliamo di affidarci. 

Per saperne di più su tutti i nostri servizi energetici, iniziative innovative come questa e ricevere una consulenza specifica, contattaci! 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri chat
1
Salve, come possiamo aiutarti?
Salve, come possiamo aiutarti?